Calcio Promozione B. Penultimo turno da brividi: giochi ancora tutti aperti in testa e in coda

Calcio Promozione B. Penultimo turno da brividi: giochi ancora tutti aperti in testa e in coda

13 maggio 2018 Non attivi Di Redazione GuilcerSport
Centottanta minuti al termine, tre ore da giocare, e ancora c’è da stabilire chi salirà in Eccellenza, chi farà i playoff, chi i playout e chi farà compagnia al Cus nella discesa in Prima Categoria.
E non c’è una partita, in questo penultimo turno, che non abbia in campo almeno una squadra in piena lotta per definire i verdetti finali.
La lotta al vertice segna un turno sulla carta più delicato per la capolista Porto Rotondo, impegnato nella non facile trasferta di Castelsardo, peraltro contro una squadra matematicamente salva; non dovrebbe avere problemi di sorta l’Ossese, che ospita il già retrocesso Cus Sassari.
In zona playoff, il lanciatissimo Bosa, nove vittorie negli ultimi undici turni, favorito nel turno casalingo contro un avversario comunque ostico come l’Ozierese che, in caso di clamoroso successo, potrebbe mantenere qualche residua speranza di centrare il terzo posto.
Al risultato di Bosa guarda con attenzione il Fonni, impegnato sul proprio campo in una delle sfide più calde della giornata, contro la Macomerese che ha un disperato bisogno di punti (non ne ha conquistato nemmeno uno nelle ultime sei trasferte, sei sconfitte con quattro gol fatti e ventitré subiti!) per evitare le insidie del play out.
Almeno teoricamente in corsa per i playoff anche l’Ilvamaddalena, unica squadra imbattuta tra le mura amiche, che però dovrà fare molta attenzione al Posada, squadra in salute (sette punti nelle ultime tre giornate) che cerca punti fondamentali per puntare ai play out, lasciandosi dietro la Tharros, staccata di due punti, ed oggi impegnata in casa contro la già salva Dorgalese, Regina di Coppe.
Importantissimi, nella lotta per evitare i playout, gli incontri casalinghi che Ovodda e Porto Torres, rispettivamente contro Usinese e Bonorva – squadre al riparo da ogni cattiva sorpresa – sono chiamati a vincere.

Mauro Coppadoro