Calcio 2a Categoria G. Il consuntivo di mister Giuseppe Corriga: “Il Norbello ha onorato il campionato nonostante le tante difficoltà”

Calcio 2a Categoria G. Il consuntivo di mister Giuseppe Corriga: “Il Norbello ha onorato il campionato nonostante le tante difficoltà”

26 maggio 2018 Non attivi Di Redazione GuilcerSport
Non è stata una stagione facile per il Norbello, che ha comunque chiuso in maniera più che dignitosa il torneo di Seconda Categoria girone G. Sull’annata appena andata in archivio abbiamo chiacchierato con il tecnico norbellese Giuseppe Corriga, che qualche volta è dovuto anche scendere in campo per esigenze numeriche di formazione.

Giuseppe una stagione molto in salita…
Ad inizio stagione le perplessità di iscriversi al campionato erano tante visti i pochi dirigenti, l’indifferenza che aleggiava intorno alla squadra e la non disponibilità di alcuni giocatori locali. Però, nonostante le difficoltà, si è deciso comunque di iniziare l’ennesima avventura per dare continuità calcistica a un piccolo paese come Norbello e per l’amore verso lo sport.

Il campo ha confermato purtroppo tutte le lacune iniziali…
Sapevamo che non sarebbe stata una passeggiata ma non immaginavamo di dover affrontare situazioni e problematiche di ogni genere. Sicuramente sono stati commessi molti errori da dividerci equamente, nessuno escluso; comunque, con la forza del gruppo, siamo riusciti a venirne fuori, onorando sempre il campionato nonostante per qualcuno sia stato più facile criticare e denigrare il lavoro altrui.

Questo indubbiamente vi fa onore e non poco…
Abbiamo preferito metterci la faccia, trovando soluzioni per superare le difficoltà con impegno e orgoglio. Di questa stagione rimarranno sempre le emozioni condivise di gioia o di sconforto, i legami di conoscenza e amicizia che vanno oltre il calcio e la posizione in classifica.

Ti sei mai pentito di aver accettato un impegno rivelatosi ricco di ostacoli? 
Della mia decisione non rinnego nulla, rifarei la scelta di cuore che ho fatto per il mio paese, come in passato altri hanno fatto per noi, dandoci la possibilità di giocare a pallone. Le cose positive che mi porterò dietro sono la crescita e le soddisfazioni che mi hanno dato alcuni giovani locali come Pasqualino Mele, Daniele Porcu e Daniele Mele che nelle difficoltà si sono sempre fatti trovare pronti; ho avuto l’onore di allenare due bomber di razza come Fabio Giuggia e Andrea Penduzzu che hanno contribuito con più di 30 reti.

Anche da parte tua, nonostante tutto, non mancheranno  i ringraziamenti da fare…
Ringrazio tutti coloro che a vario titolo hanno contribuito alla riuscita della stagione e in particolar modo i giocatori che hanno sempre lottato e dato il massimo in ogni situazione senza mai tirarsi indietro: ve ne sarò sempre grato e sapete quanto siete stati importanti per me.

Il tuo futuro dove lo vedi? 
Il futuro non so cosa mi riserverà, per ora, dopo le tante energie mentali spese, mi godo un po’ di riposo; poi vedremo, se arriveranno proposte stimolanti le valuteremo, altrimenti allenare non è un obbligo.

In certe situazioni quanto conta la famiglia? 
Tantissimo. Vorrei dedicare un pensiero alla famiglia, mia moglie Silvana e i miei splendidi figli Mauro ed Ariele che mi supportano e talvolta sopportano in ogni mia decisione, nonostante il tempo che sottraggo loro per la mia passione per il calcio.

Agli sportivi norbellesi che messaggio vorresti mandare?
Faccio un grosso in bocca al lupo a tutti per le stagioni che verranno, auspicando che a Norbello si possa ritrovare l’entusiasmo e l’unità di intenti dell’intero paese verso la squadra locale in modo da non farla decadere nell’oblio, altrimenti sarebbe una grave perdita per tutta la comunità. Grazie e buon calcio a tutti!